Practical tips > Viaggiare in auto con cani e gatti: ecco come fare

Viaggiare in auto con cani e gatti: ecco come fare

Paolo Odinzoff
 - 18/04/2016

Arriva la bella stagione e le città iniziano a svuotarsi nei fine settimana. Molte delle persone che posseggono un animale devono allora pensare a come trasportare nella maniera più corretta e sicura l’amato passeggero a quattro zampe.

A dare però un’indicazione precisa a riguardo è il Codice della Strada che, all’articolo 169, disciplina la materia e spiega proprio come possono e soprattutto devono viaggiare in auto gli animali domestici.

Questo prevede che “sui veicoli diversi da quelli autorizzati a norma dell'art. 38 del decreto del Presidente della Repubblica 8 febbraio 1954, n. 320, è vietato il trasporto di animali domestici in numero superiore a uno e comunque in condizioni da costituire impedimento o pericolo per la guida. È consentito il trasporto di soli animali domestici, anche in numero superiore, purché custoditi in apposita gabbia o contenitore o nel vano posteriore al posto di guida appositamente diviso da rete od altro analogo mezzo idoneo che, se installati in via permanente, devono essere autorizzati dal competente ufficio provinciale della Direzione Generale della Motorizzazione Civile”.

Chiunque commetta delle violazioni è punito con una sanzione amministrativa da 78 a 311 euro con la pena aggiuntiva del decurtamento di 1 punto dalla patente di guida.

Oltre a quanto stabilito da CdS vi sono poi delle regole che è bene seguire per garantire all’animale trasportato il minore stress possibile e la massima sicurezza.

Prima di partire bisogna infatti sempre ricordarsi di portare i documenti dell’animale, assieme alla sua ciotola e una quantità d’acqua sufficiente a dissetarlo facendo delle soste nella marcia durante le quali è opportuno anche fargli sgranchire le zampe permettendogli di fare i propri bisogni.

Nel caso in cui si scelga di sistemare un cane o gatto dentro l’abitacolo utilizzando la rete divisoria è bene ricordare di non riporre vicino a lui pacchi o valigie che potrebbero limitare il suo spazio e causargli dei traumi in caso di incidente o di una brusca frenata.

Se si sceglie di utilizzare il cosiddetto “trasportino” (per i gatti  l’unico mezzo di trasporto ammesso) è preferibile che quest’ultimo sia in materiale plastico e non in ferro così da evitare possibili lesioni durante il viaggio e garantire un fissaggio sicuro e stabile al veicolo utilizzando le apposite cinture.

Per consentire a cani e gatti non ancora abituati di adattarsi a viaggiare in auto, inoltre, è bene portarli a bordo le prime volte per dei brevi tragitti, sistemando magari nel loro spazio coperte o cuscini su cui dormono a casa in modo da farli sentire sicuri.

Far viaggiare gli animali permettendogli di mettere il muso fuori dal finestrino aperto, infine, non è indicato. Mentre è tassativamente vietato, come stabilito con conseguente condanna dal secondo comma dell'art. 727 del Codice Penale, lasciare il proprio animale chiuso in auto per troppo tempo e soprattutto dentro una vettura parcheggiata sotto al sole.

 

Foto: ©Volvo