News > Autostrade Italiane, Enel promette 10.000 colonnine entro l'anno

Autostrade Italiane, Enel promette 10.000 colonnine entro l'anno

Paolo Odinzoff
 - 20/07/2016

Entro dicembre verranno attivate 10.000 colonnine a ricarica rapida sulle autostrade italiane.

Entro dicembre verranno attivate 10.000 colonnine a ricarica rapida sulle autostrade italiane: è questa la promessa di Enel rivolta a incentivare l’uso delle vetture a zero emissioni sul territorio nazionale con l’intenzione, seguendo anche l’ultimo piano di sviluppo governativo in materia, di realizzare 20.000 colonnine in tutto il Paese prima della fine del 2017.

Per raggiungere l’ambito obiettivo Enel confida sull’assegnazione di un bando europeo che consentirà a partire da settembre di coprire l’intera rete autostradale con l’installazione di sistemi di ricarica da 22 kW. Questi, dislocati in gran parte delle aree di servizio selezionate in base al traffico, “saranno in grado di gestire in ogni postazione fino a tre automobili contemporaneamente” come ribadito da Ernesto Ciorra Direttore Innovazione e Sostenibilità di Enel.

Enel sta realizzando la rete in collaborazione con il Politecnico di Milano e conta di arrivare a soddisfare la richiesta di un milione di vetture elettriche in modo da permettere a chi lo vorrà di andare ad esempio da Milano a Napoli senza problemi con un’auto alimentata a batterie, impiegando a seconda del tipo di veicolo dei tempi limitati fino a circa 20 minuti per la sosta di ricarica.

“La rete dalla quale fare velocemente il pieno di energia - ha inoltre sottolineato Ciorra - sarà di tutti e non solo dedicata ai clienti Enel”. Destinata, quindi, a soddisfare sia gli utenti italiani, sia i turisti in arrivo o in transito verso l’estero. Per usufruirne verrà resa disponibile un’apposita app da abbinare a una carta con la quale effettuare la ricarica. Le postazioni, infine, saranno probabilmente aperte anche a tutti i gestori di energia elettrica, ognuno dei quali avrà la facoltà di fare l’offerta migliore per i suoi clienti. Ma su quest’ultimo punto la decisione finale spetterà all’ente regolatore.

 

Foto: ©Enel