News > Cresce il numero delle auto connesse e la guida autonoma appare sempre più vicina

Cresce il numero delle auto connesse e la guida autonoma appare sempre più vicina

Paolo Odinzoff
 - 29/11/2016

Sono sempre più le automobili (non solo di recente immatricolazione) in grado di viaggiare spedite nella rete come sulle strade. Secondo un recente studio di PwC, società di consulenza internazionale, elaborato e reso noto in Italia dall’Osservatorio Autopromotec, nel 2021 le vendite delle tecnologie per la connettività in auto subiranno un aumento di oltre il 200%. Arrivando a contare un fatturato di circa 122,6 miliardi di euro, contro i 41 miliardi stimati nel 2016.

Entro i prossimi cinque anni, dunque, il mercato mondiale dell'automobile sarà caratterizzato da un numero crescente di modelli dotati di soluzioni di connettività mobile per assistere il conducente. Capaci di fornire a bordo dalle informazioni relative alla sicurezza a quelle riguardanti la diagnostica del veicolo. Oltre che una infinità di servizi destinati ad arricchire le potenzialità degli apparati d’infotainment tipo lo streaming di musica e notiziari di vario genere.

L’ultima frontiera del settore, inoltre, è rappresentata dai sistemi che permettono e consentiranno sempre più alle vetture non soltanto di interagire con la rete e le infrastrutture stradali, ma anche di dialogare tra di loro. Dando vita, così, a un flusso unico di dati e consentendo alle connected cars di pianificare ad esempio itinerari, sapendo in anticipo con estrema precisione le condizioni del traffico su una determinata strada. Oppure dove si può parcheggiare, ricevendo le info in tempo reale dalle vetture connesse già passate lungo lo stesso tragitto.

Il tutto costituisce un ulteriore passo in avanti verso le automobili a guida autonoma. La cui diffusione sembra essere sempre più vicina ed è al momento ostacolata non tanto dalla mancanza di tecnologie affidabili (esistono già in commercio delle vetture potenzialmente capaci di marciare in completa autonomia). Quanto piuttosto dalle lacune riguardo alla normativa per la omologazione e il via libera alla loro circolazione. Anche se negli Stati Uniti la Nhtsa (National highway traffic safety administration), ovvero la massima autorità in tema di sicurezza stradale, ha già stabilito che il sistema di intelligenza artificiale impiegato sulla Google Car potrà essere equiparato ad un guidatore in carne ed ossa.

 

Foto: ©Grphlink