News > Fra i senior, guidare il più a lungo possibile fa bene alla salute

Fra i senior, guidare il più a lungo possibile fa bene alla salute

Relaxnews
 - 19/02/2016

Continuare a guidare il più a lungo possibile non solo permette alle persone anziane di rimanere indipendenti: un recente studio americano mostra in realtà che i senior che guidano ancora godono anche di una salute migliore.

Un'équipe di scienziati della Mailman School of Public Health (facente capo alla Columbia University di New York) ha esaminato 16 studi precedenti sulla salute di automobilisti di entrambi i sessi di 55 anni e oltre, poi ha paragonato questi risultati con i dati provenienti da automobilisti attuali. Lo studio mostra che dopo aver smesso di guidare i senior vedono quasi raddoppiare il rischio di sviluppare sintomi depressivi. La probabilità di essere ammessi in una casa di riposo o in una comunità è cinque volte maggiore.


Allo stesso modo, malgrado molti di questi senior abbiano smesso di guidare in seguito a un declino delle loro capacità fisiche e cognitive, i risultati dello studio mostrano chiaramente che questo declino è peggiorato dopo l'abbandono del volante. L'aver smesso di guidare ha altresì provocato una riduzione del 51% dell'ampiezza delle cerchie sociali di questi senior (fra le donne si registra una diminuzione più forte in questo ambito rispetto agli uomini). Ciò potrebbe contribuire all'aggravarsi dello stato di salute osservato negli altri campi. «Le persone anziane che hanno smesso di guidare sostituiscono a poco a poco le attività all'esterno con attività all'interno o domestiche ed è possibile che queste ultime non siano altrettanto benefiche per la forma fisica come un'occupazione esterna, ad esempio un lavoro o un'attività di volontariato», spiega Thelma Mielenz, una delle responsabili dello studio. «Quando arriva il momento di smettere di guidare, è importante stabilire un programma personalizzato per preservare le proprie funzioni di mobilità e la vita sociale».


I risultati di questo studio sono pubblicati nel Journal of the American Geriatrics SocietySecondo l'Associazione americana dell'automobile (AAA), i senior sono fra gli automobilisti più sicuri, e il loro rischio di avere un incidente è minore poiché mettono più facilmente la cintura, rispettano di più i limiti di velocità ed è meno probabile che si mettano al volante dopo aver bevuto alcolici. Tuttavia, dato che la loro fragilità va aumentando, i senior sono per natura più inclini a riportare ferite gravi – o a morire – in caso di incidente. A fronte di questo maggior rischio, nel 2003 l'AAA ha lanciato negli Stati Uniti un programma specifico (Lifelong Safe Mobility) destinato a permettere ai senior di continuare a guidare il più a lungo possibile e il più in sicurezza possibile, e a rimanere mobili anche dopo aver smesso di guidare.

 

Photo : ©Dean Mitchell/iStock