News > Presto forse misureremo il tasso alcolemico con un cerotto

Presto forse misureremo il tasso alcolemico con un cerotto

Relaxnews
 - 13/09/2016

Alcuni ricercatori dell'università della California, a San Diego, hanno sviluppato una nuova tecnologia che potrebbe permettere ai medici e alla polizia di misurare con precisione il tasso alcolemico grazie a un cerotto connesso da mettere direttamente sulla pelle, per individuare la quantità di alcol tramite il sudore del guidatore.

Sviluppato da Joseph Wang e Patrick Mercier, questo apparecchio permette di monitorare, rapidamente e in maniera non invasiva, il tasso di alcol nel sangue del guidatore, per prevenire la guida in stato di ebrezza, una delle cause più frequenti di incidenti stradali.

Ad oggi, il modo più preciso di misurare il tasso alcolemico nel sangue è più intrusivo in quanto richiede il prelievo del sangue del guidatore. Il metodo più comune rimane l'etilometro, che tuttavia non è sempre affidabile.

Questo nuovo strumento si incolla semplicemente sulla pelle e consente una misurazione in soli 15 minuti.


Senza fili verso un apparecchio mobile

Il dispositivo libera della pilocarpina, una sostanza che penetra nella pelle e fa secernere sudore. Quest'ultimo entra in seguito in contatto con un elettrodo rivestito di alcol ossidasi, un enzima che reagisce in presenza di alcol liberando perossido di idrogeno che verrà poi rilevato dal cerotto.

I dati raccolti sono inviati senza fili verso un apparecchio mobile o un computer. È anche possibile configurare un sistema di allarme affinché il dispositivo vi avverta, ad esempio quando, dopo una serata in cui avete bevuto, avete superato il limite legale per guidare.

Questo sistema potrebbe anche essere usato per prevenire la guida in stato di ebrezza, integrandosi con il sistema di avviamento dell'auto.


Monitorare il tasso alcolemico nel corso delle 24 ore

Fino ad oggi i ricercatori hanno testato l'apparecchio su nove volontari in salute che hanno attaccato il cerotto sul braccio prima di consumare o una birra o un bicchiere di vino.

Il sistema non ha solo riflesso in maniera esatta le concentrazioni di alcol nel sangue dei soggetti, ma ha mantenuto la precisione dopo essere stato piegato o scosso, dimostrando che i risultati non dovrebbero essere influenzati dai movimenti della persona.

L'équipe sta cercando di andare oltre, sviluppando un apparecchio che possa monitorare il tasso alcolemico nel corso delle 24 ore.

Queste ricerche sono state pubblicate recentemente sulla rivista ACS Sensors.

 

Foto : ©UC San Diego