News > USA: 20 case automobilistiche adottano il sistema di frenata di emergenza assistita

USA: 20 case automobilistiche adottano il sistema di frenata di emergenza assistita

New York-AFP
 - 20/04/2016

Una ventina di grandi costruttori automobilistici, tra cui General Motors, Toyota e Volkswagen, hanno accettato di dotare i loro futuri veicoli con un sistema di frenata di emergenza assistita allo scopo di ridurre il numero d’incidenti.

Secondo un comunicato, dal 1° settembre 2022, tutti i veicoli che circoleranno sulle strade americane saranno  equipaggiati con una tecnologia battezzata AEB (Automated Emergency Braking).

Questo sistema di frenata di emergenza assistita permette di evitare gli incidenti esercitando automaticamente una pressione sui freni del guidatore e di minimizzare la gravità dello scontro quando la collisione è inevitabile, afferma la NHTSA (agenzia di sicurezza stradale americana).

In effetti, il sistema di frenata di emergenza assistita AEB combina i dati ricevuti dai radar  e dai sistema video che rilevano i movimenti intorno al veicolo e può così avvisare il guidatore di un pericolo imminente. Se il guidatore non reagisce velocemente, può esercitare automaticamente una pressione sui freni.

Secondo l'organizzazione IIHS, finanziata dal settore assicurativo, dotando i loro veicoli con la tecnologia AEB tre anni prima dell’entrata in vigore di questa legge specifica, i gruppi automobilistici permetteranno di evitare 28.000 incidenti della circolazione che potrebbero causare 12.000 feriti. "È una vittoria per la sicurezza e per i consumatori", si è rallegrato Anthony Foxx, il ministro dei Trasporti, citato nel comunicato.

Le venti case automobilistiche che hanno deciso di fare dell'AEB una tecnologia standard nei loro veicoli sono: Audi, BMW, FCA US, Ford, GM, Honda, Hyundai, Jaguar Land Rover, Kia, Maserati, Mazda, Mercedes-Benz, Mitsubishi, Nissan, Porsche, Subaru, Tesla, Toyota, Volkswagen e Volvo. Queste Case rappresentano il 99% dei veicoli venduti negli Stati Uniti.

Questo annuncio è il coronamento di mesi di intense discussioni tra le autorità americane, gli assicuratori e i costruttori per ridurre il numero di incidenti sulle strade, il 94% dei quali sono imputabili a errore umano, secondo la NHTSA.

In settembre, dieci costruttori si erano già impegnati ad adottare dei sistemi di assistenza alla guida al fine di rallentare il veicolo, tra cui l’LDW, l'allerta di superamento della linea di carreggiata e il mantenimento della traiettoria.

 

Foto: ©MICHELIN