Test Drive > Faccia a faccia con i 4x4 urbani, le station wagon e le monovolume fanno resistenza

Faccia a faccia con i 4x4 urbani, le station wagon e le monovolume fanno resistenza

Relaxnews
 - 04/04/2016

SUV, "crossover" e altre 4x4 urbane hanno conquistato i cuori delle famiglie europee, ma alcuni marchi persistono a proporre station wagon e monovolume, a giudicare dalle novità presentate a Ginevra.

I corridoi del 86esimo salone dell'automobile, che apre le porte martedì ai media, brulicheranno di nuove auto alte sulle ruote ma senza pretese di fuoristrada, segmento che rappresenta ormai quasi un quarto del mercato europeo.

VW, primo gruppo del continente, presenta dunque una serie di crossover: la Seat Ateca, l'Audi Q2, il prototipo Skoda VisionS e una piccola avventuriera di città con il suo marchio Volkswagen.

Toyota, numero uno mondiale, propone la versione definitiva della piccola crossover C-HR, dalle linee contorte, come la Nissan Juke, alla cui clientela vuol puntare.
E Maserati (gruppo Fiat Chrysler), finora sinonimo di berline e coupé potenti, svela il suo primo SUV, il Levante, per tentare di pestare i piedi alle Porsche Cayenne.
Renault, che regna in Europa sul segmento delle piccole crossover (segmento B, dimensioni della Clio) con il Captur e l'anno scorso ha presentato il fratello maggiore Kadjar, quest'anno fa controprogrammazione.

Il marchio della Losanga svela infatti la quarta generazione della Scénic, che aveva inaugurato nel 1996, e poi dominato, il segmento delle monovolume compatte in Europa.
La terza versione però, lanciata nel 2009, si è venduta meno bene delle precedenti: circa 110.000 unità in media negli ultimi tre anni, contro le quasi 300.000 di una decina di anni fa.

Le crossover, Nissan Qashqai in testa, c'entrano qualcosa. Nel 2015 sono addirittura diventate il primo segmento europeo con il 22,5% del mercato, secondo Jato Dynamics. Le monovolume ne rappresentano solo il 10,5%, in calo del 10% rispetto al 2014.

"Le quote di mercato che sono state conquistate dalle crossover sono state perse dalle berline ma anche dalle monovolume", sottolinea François Jaumain, consulente presso PwC.


Il ritorno della Volvo station wagon

Le 4x4 urbane sono lungi dall'essere in affanno, avverte Ferdinand Dudenhöffer, direttore del centro di ricerche CAR: "SUV e pick-up rappresentano il 60% del mercato americano, c'è quindi ancora margine di manovra in Europa". La ditta IHS dal canto suo punta a più che raddoppiare le vendite di crossover del segmento B da qui al 2022.
Che interesse può avere Renault a continuare a lottare con la Scénic per una nicchia in declino? "I costruttori non si metteranno a fare solo crossover dall'oggi al domani abbandonando totalmente le monovolume", spiega M. Jaumain, secondo il quale "un veicolo come la Scénic conserva una sua domanda".

In realtà in Francia troviamo due monovolume compatte nel "top 10" delle vendite: la Scénic, sesta, e la Citroën C4 Picasso, decima. Entrambe esistono nelle versioni cinque e sette posti. Se alcuni marchi hanno rinunciato al segmento, i generalisti tedeschi Volkswagen, Ford e Opel ci credono ancora. E BMW vi si è lanciata con successo con la serie 2 Active Tourer.

Le monovolume hanno ancora dalla loro che "la modularità interna è di norma leggermente superiore" a quella dei SUV, secondo Yann Lacroix, esperto dell'assicuratore Euler Hermès.

Allusione ai crossover, la Scénic 4, dalla linea muscolosa, presenta un'altezza libera dal suolo aumentata, secondo Renault che, a Ginevra, rinnova anche la Mégane break, segmento anch'esso cannibalizzato dai SUV.

Altra nuova station wagon: la grande V90 sullo stand di Volvo. Un ritorno alle origini per la casa svedese (proprietà della cinese Geely) che era lo specialista di queste carrozzerie prima di prendere la svolta del SUV.

"In questa offerta di Volvo vedo la volontà di andare a contestare la supremazia dei tedeschi" Audi, Mercedes e BMW, che regnano sulla categoria molto redditizia delle station wagon "premium", spiega M. Jaumain, mentre in un oceano di SUV asiatici, la sud coreana Kia mostrerà anch'essa a Ginevra la versione station wagon della sua grande berlina Optima.


Photo : ©AFP PHOTO/FABRICE COFFRINI