News > I SUV sono fra i maggiori responsabili delle emissioni mondiali di CO2

I SUV sono fra i maggiori responsabili delle emissioni mondiali di CO2

AFP
 - 14/11/2019

I SUV, popolarissimi 4x4 urbani, sono stati la seconda fonte di aumento delle emissioni mondiali di diossido di carbonio (CO2), fra il 2010 e il 2018

Il direttore dell’Agenzia internazionale dell’Energia (AIE), ha comunicato di recente che i SUV, gli onnipresenti veicoli 4x4 ad uso urbano, sono stati la seconda fonte di aumento delle emissioni mondiali di diossido di carbonio (CO2), fra il 2010 e il 2018.
 
“I costruttori stanno effettuando indubbiamente massicci investimenti per lo sviluppo dell’auto elettrica, ma commercializzano anche sempre più modelli di SUV”, auto con carrozzerie ispirate ai 4x4 classici, ma senza la loro capacità di superamento dei dislivelli, ha spiegato Fatih Birol a Parigi, durante una conferenza internazionale sullo sviluppo della propulsione elettrica.
 
“Le auto elettriche riscuotono indubbiamente un crescente successo: nel mondo sono ormai circa 6 milioni (...) Ma possiamo definire questo trend una decarbonizzazione? Assolutamente no” ha insistito, facendo notare che la metà di esse circolano “in un solo paese asiatico”, la Cina, dove l’elettricità è prodotta per due terzi da centrali a carbone.
 
“Le vetture elettriche non sono una panacea. Il prerequisito deve essere una decarbonizzazione del sistema energetico” ha affermato.
 
Inoltre, “di fatto, la star dell'industria automobilistica non è l’auto elettrica ma il SUV: nel 2010, il 18% delle vendite di auto nel mondo riguardava i SUV; nel 2018, eravamo a oltre il 40%!”
 
“Di conseguenza, in questi ultimi dieci anni, i SUV sono stati la seconda fonte di crescita delle emissioni di CO2”, ha aggiunto, dopo il settore dell’energia, ma prima dell’industria pesante (acciaio, cemento...), il trasporto merci su gomma o l’aviazione.
 
Oggi, nel mondo, circolano oltre 200 milioni di SUV, contro 35 milioni nel 2010. Una tendenza che ritroviamo ovunque, sottolinea l'AIE in una nota pubblicata martedì.
 
Spesso più pesanti e meno aerodinamici degli altri modelli, i SUV consumano il 25% in più rispetto a un’auto di dimensioni medie, precisa il rapporto.
 
Sono pertanto i soli responsabili del surplus di domanda di carburante generato dall’industria automobilistica fra il 2010 e il 2018, che ha superato ampiamente i progressi in termini di efficienza energetica realizzati sulle auto più piccole e le economie consentite dai modelli a propulsione elettrica.
 
“Se l’interesse dei consumatori per i SUV dovesse continuare a crescere al ritmo dell’ultimo decennio, questi modelli aggiungerebbero circa 2 milioni di barili al giorno alla domanda mondiale di petrolio da qui al 2040, annullando le economie generate da 150 milioni di auto elettriche”, avverte il rapporto, sottolineando inoltre che “i veicoli più grandi e pesanti, come i SUV , sono più difficili da elettrificare”.
 
 
 
 
 
(Crédits photo : Tramino / IStock.com )